dolcevita

Maglione Dolcevita: perchè si chiama così e come indossarlo

La stagione autunno-inverno è iniziata e noi di Emia Milano abbiamo tante novità in serbo per voi… una di queste è il maglione dolcevita! Non è mai facile abbandonare i costumi e passare agli indumenti autunnali, però è il corso delle stagioni e quindi dobbiamo sempre farci trovare preparate.

Di cosa parleremo oggi? Del nostro maglione dolcevita! Sembra assurdo, ma dietro un maglione può esserci una storia e aneddoti molto interessanti. Vediamo insieme perché il maglione dolcevita si chiama così e come indossarlo!

Perché si chiama maglione dolcevita?

Forse è un dubbio che non ti sei mai posta, ma noi ce lo siamo chiesti più e più volte e abbiamo scoperto che la sua origine vanta una storia molto lunga. Infatti, il maglione dolcevita pare si usasse già in epoca medievale, quando i cavalieri indossavano le loro armature (ad esempio la cotta di maglia) per andare in battaglia. Per evitare che la cotta di maglia irritasse il collo, nacque un indumento capace di coprire di proteggere il collo dell’armatura pesante. 

Nel 1860 poi, il maglione dolcevita fece il suo ingresso nello sport quando i giocatori di polo inglesi iniziarono a indossarlo come parte della loro uniforme. 

Conoscevi tutte queste informazioni sul dolcevita? Ma aspetta di scoprire da dove pare che derivi il suo nome… Il maglione dolce vita sembra prendere il nome dal film di Federico Fellini “La dolce vita”, per via del protagonista, Marcello Mastroianni che indossava spesso questo capo. 

Come indossare il maglione dolcevita?

Il maglione dolcevita come lo conosciamo oggi, venne reso popolare da alcune star del cinema negli anni ‘50 come: Jayne Mansfield e Marilyn Monroe che iniziarono a portarlo in modo più sexy, aderente al petto… oppure come Audrey Hepburn nel film Funny Face che andava in giro per le strade di Parigi con un maglione dolcevita e dei pantaloni attillati neri, rendendolo un capo popolare e iconico.

Il maglione dolcevita è un vero e proprio must have, perfetto per essere indossato alla Audrey Hepburn con un paio di pantaloni neri attillati e un paio di tacchi. Oppure, per renderlo più sportivo, con un paio di jeans a zampa di elefante e un paio di sneakers.